SEGRETERIA PROVINCIALE DI TRIESTE

via Paduina, 4
34125 Trieste -Tel. 040-370205 Fax. 040-368415

e-mail:friuliveneziagiulia.ts@snals.it

friuliveneziagiulia.trieste@pec.snals.it

venerdì 29 maggio 2015

AUDIZIONE DELLO SNALS-CONFSAL


Commissione Cultura Camera e Commissione Istruzione Senato
del  28 maggio 2015 
Disegno di Legge n. 1934
Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione   e
 delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti

giovedì 28 maggio 2015

Proposta dell’Agenzia Assicurazioni per D.S. e D.S.G.A iscritti allo SNALS consistente in un pacchetto che comprende una assicurazione per RC patrimoniale e tutela legale, più l’abbonamento alla rivista “Rassegna dell’Autonomia Scolastica – RAS”. Il costo complessivo annuale è di € 195,00.
Resta sempre attiva la polizza offerta gratuitamente da Cattolica Assicurazioni a tutti gli associati SNALS.
Per maggiori informazioni e per l’adesione è possibile contattare il responsabile dell’Agenzia Assicurazioni:
Alberto Duranti,
Via Diaz 6/A,
tel. 040.300600; cell. 347.9785849.

martedì 26 maggio 2015

INCONTRO MINISTRO/SINDACATI - NIGI: “INCONTRO UNILATERALE SENZA VERO CONFRONTO. NEL TESTO ANCORA ELEMENTI INACCETTABILI. SE IL SENATO NON LI MODIFICA CONTINUERÀ L’AZIONE DI PROTESTA DEL SINDACATO”

Riguardo all’incontro Sindacati Scuola / Ministro Giannini, del 25 maggio alle h. 12,00, il Segretario Generale, al termine del deludente incontro, ha rilasciato il comunicato stampa, che trascriviamo.
    
I SINDACATI SCUOLA INCONTRANO IL MINISTRO GIANNINI
  
 “L’incontro di oggi, in cui tutti i sindacati rappresentativi hanno esposto in modo concorde le loro critiche e proposte di modifica in merito al ddl Buona Scuola passato in parlamento, è stato caratterizzato da uno strano stile che definirei di non confronto. Evidentemente, l’unilateralità introdotta con la figura del super-preside rispecchia quella adottata dal premier Renzi e dai membri del suo governo, in questo caso dal ministro Giannini” ha dichiarato il segretario generale dello Snals-Confsal, Marco Paolo Nigi.
“Il testo del DDL - ha continuato Nigi -  risente negativamente di un mancato confronto in sede MIUR e dell’eccessiva fretta nell’iter di approvazione in sede parlamentare. Sono molti ancora gli aspetti con pesanti e inaccettabili ricadute negative. Gli elementi più rilevanti riguardano:
aver escluso dalla legge interi segmenti del personale scolastico (personale ATA, e, per alcuni aspetti, quello docente della scuola dell’infanzia);
l’eccessiva accelerazione nell’applicazione delle novità introdotte che ha il suo picco di negatività nel voler risolvere il problema della  stabilizzazione e del reclutamento in un solo anno scolastico e non con un piano pluriennale;
voler definire per legge aspetti che per loro natura sono contrattuali e che con il confronto e con il dialogo in sede di CCNL - di cui è ormai indifferibile il rinnovo – consentirebbero di trovare soluzioni a temi delicati come “riconoscimento del merito”. Questi stessi aspetti, come sono stati prospettati, risultano assolutamente inaccettabili;
- aver impostato il “potenziamento dell’autonomia scolastica” su una gestione delle istituzioni scolastiche autonome di tipo “autoritaristico”;
aver assegnato la “valutazione” dei docenti a commissioni che non hanno nella propria composizione le competenze necessarie.
Non va poi trascurato che il testo del DDL in discussione, così com’è uscito dalla Camera dei deputati, presenta aspetti di possibile incostituzionalità, in particolare per le norme che possono ledere il principio della libertà di insegnamento, e si annuncia fonte di una serie infinita di contenziosi, non privi di fondamento”.

Il Segretario Generale
(Prof. Marco Paolo Nigi)

lunedì 25 maggio 2015

Indicazioni operative per quanto riguarda l’adesione allo
sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola,
SNALS e GILDA per due giornate consecutive in
concomitanza con l’effettuazione degli scrutini secondo il
calendario di ciascuna scuola
Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che
ricadono durante degli scrutini di fine anno.
Leggi.

mercoledì 13 maggio 2015

I SINDACATI DELLA SCUOLA A PALAZZO CHIGI SULLA “BUONA SCUOLA”: INCONTRO DELUDENTE

Nonostante gli emendamenti illustrati dal Governo, approvati in commissione cultura alla Camera, il testo del DDL rimane inaccettabile. Si va verso il blocco degli scrutini. 
Il segretario generale dello SNALS-Confsal, Marco Paolo Nigi, nel suo intervento, all’incontro di ieri a  Palazzo Chigi tra il governo e i sindacati della scuola,  ha ribadito le irrinunciabili richieste di emendamento al DDL già oggetto del recente sciopero del 5 maggio che rimangono  inalterate nella sostanza anche alla luce degli emendamenti approvati.  Nel suo intervento Nigi, nel sostenere che va ripristinata la serietà degli studi e l’autorevolezza dei docenti, ha definito improponibile e inaccettabile affidare la valutazione dei docenti ad un comitato composto con genitori e studenti ed ha ribadito che:
- va eliminato ogni aspetto di gestione autoritaria nella scuola;
- necessita un piano assunzioni da adottare auspicabilmente con provvedimento legislativo di urgenza. Se necessario anche pluriennale, in modo da non lasciare fuori nessuno di coloro che hanno maturato legittime aspettative, assicurando così la stabilizzazione per tutto il personale docente e ATA;
- gli organici pluriennali dell’autonomia devono essere realizzati con modalità certe e trasparenti ed essere adeguati alle necessità per tutte le tipologie di scuola  e per tutte le componenti (docenti e ATA);
- va avviato il rinnovo del contratto e deve essere cancellata ogni invasione della legge in campo contrattuale.”
Da parte dei rappresentanti del  Governo non è stata data alcuna risposta concreta ai temi sollevati negli interventi, ma  si sono limitati a dare assicurazione che sarebbero state attentamente valutate le osservazioni formulate.  E’ stato sottolineato che le possibilità di modifica ci sono ancora nel passaggio di approvazione da parte della Camera e, soprattutto, nel successivo passaggio al Senato, precisando che sarà data rilevante importanza alla fase delle audizioni che, alla luce del testo uscito dal primo ramo del Parlamento, si svolgeranno in quella sede.
Nigi, uscendo da Palazzo Chigi, ha dichiarato che la battaglia dello SNALS-CONFSAL, congiuntamente alle altre OO.SS., continuerà in varie forme fino allo sciopero in occasione degli scrutini.

lunedì 11 maggio 2015

Comunicato Stampa

Il Tar Lazio accoglie il ricorso dello Snals-Confsal. Il MIUR commissariato per il riordino dell’orario d’insegnamento negli istituti tecnici e professionali
La recentissima vittoria legale dello Snals-Confsal costringerà il Ministero dell’Istruzione a rivedere il proprio operato sulla riduzione degli orari d’insegnamento negli istituti tecnici e professionali, pena il commissariamentoIl Tar Lazio, sez. III bis (presidente estensore dott.ssa Pierina Biancofiore), con decisione n. 6438/2015 ha infatti ordinato al Miur di dare esecuzione alla sentenza n. 3527/2013, che aveva annullato le disposizioni amministrative di riduzione dell'orario scolastico per le cosiddette materie professionalizzanti negli istituti tecnici e professionali, emanate nel 2010 dal Ministero dell’Istruzione, in ragione della mancata adozione dei criteri di riduzione. Nel caso in cui il Miur non dovesse adeguarsi alla pronuncia del giudice amministrativo entro 30 giorni, sarebbe commissariato. Il Tar, infatti, ha già nominato il Prefetto di Roma quale commissario ad acta per sostituirsi al Ministero inadempiente.

venerdì 8 maggio 2015

Ricorso Giudice del Lavoro diplomati magistrali entro l'anno scolastico 2001/2002 per l’inserimento nelle GaE (AZIONE N. 78 TER)

Con riferimento al nostro precedente notiziario n. 778 del 30/04/2015, si precisa quanto segue:
  1. oltre ai diplomati dei corsi quadriennali / quinquennali di istituti magistrali possono aderire anche i diplomati dei corsi triennali di scuola magistrale;
  2. è opportuno documentare, oltre a quanto già richiesto, anche il servizio eventualmente prestato.
Per ogni ulteriore informazione contattare la Segreteria provinciale delle SNALS negli orari di apertura, allo 040.370205

RIAPERTURA TERMINI ADESIONI AZIONE 38 BIS Ricorso per il riconoscimento del diritto all’immissione in ruolo ed il risarcimento danni

A seguito della Sentenza della Corte Europea del  26/11/2014,  lo SNALS ha promosso un’azione legale per tutto il personale docente ed  ATA precario  che abbia avuto più incarichi, sia da graduatoria ad esaurimento che da  graduatoria di istituto, conferiti fino al termine delle attività didattiche (30/06) o fino al  31/8 su posto vacante e disponibile, per un totale di almeno 36 mesi.
La domanda avrà come oggetto sia il riconoscimento  del diritto all’immissione in ruolo dei ricorrenti, sia  il risarcimento del danno.

mercoledì 6 maggio 2015

SCUOLA: GRANDE SUCCESSO DELLO SCIOPERO DI OGGI CONTRO IL DDL LA BUONASCUOLA

Ieri 5 maggio alla manifestazione di Milano, alla quale lo SNALS di Trieste ha partecipato con una propria delegazione, il segretario generale vicario dello Snals-Confsal, Achille Massenti, ha espresso la propria soddisfazione per la riuscita dello sciopero. “L’adesione dei  lavoratori della scuola e le affollate manifestazioni nelle piazze italiane parlano chiaro e dicono al governo e a tutte le forze politiche e parlamentari di stralciare dal Ddl qualsiasi provvedimento d’urgenza per la stabilizzazione del personale. Ciò che serve è un vero piano che tenga conto dei diritti e delle legittime aspettative di tutti coloro che, seppur precari, hanno consentito il funzionamento della scuola in questi anni.  Il governo, dunque, riscriva un ‘nuovo’ Ddl che cancelli il modello di gestione autoritaria ipotizzato, fornisca alle scuole le necessarie risorse umane, economiche e strutturali, elimini le incursioni legislative sul contratto e ne avvii il rinnovo garantendo una vera stagione di investimenti in istruzione e formazione” ha dichiarato Massenti. “Le richieste sindacali, ha voluto precisare  Massenti, mirano a portare nella scuola un clima di serenità che eviti inutili conflittualità e assicuri la dimensione della collegialità e della condivisione dove ogni componente veda riconosciuto il proprio giusto ruolo e la propria dignità al fine di garantire la libertà d’insegnamento  prevista dalla Costituzione”.






lunedì 4 maggio 2015

SCIOPERO 5 MAGGIO 2015


LA SCUOLA IN PIAZZA

Roma:   PIAZZA DEL POPOLO  con corteo da Piazza della Repubblica – ore 9.00
Milano:  PIAZZA SEMPIONE - ARCO DELLA PACE  con corteo da Piazza Repubblica - ore 9.30
Bari:     PIAZZA PREFETTURA  con corteo da Piazza Castello – ore 9.00
Cagliari: PIAZZA DEL CARMINE con corteo da Piazza Giovanni XXIII – ore 9.30
Catania: PIAZZA ROMA  con corteo da piazza Europa  - ore 9.00
Palermo:            PIAZZA VERDI (Teatro massimo) con corteo da Piazza Marina - ore 9.00

PARTECIPATE COMPATTI !!

IL NOSTRO UFFICIO DI VIA PADUINA 4 RIMARRA' CHIUSO PER SCIOPERO.