SEGRETERIA PROVINCIALE DI TRIESTE

via Paduina, 4
34125 Trieste -Tel. 040-370205 Fax. 040-368415

e-mail:friuliveneziagiulia.ts@snals.it

friuliveneziagiulia.trieste@pec.snals.it

lunedì 27 settembre 2021

LAVORI GRAVOSI. VA ESTESO IL RICONOSCIMENTO A TUTTO IL PERSONALE DELLA SCUOLA

La commissione di studio per l’individuazione dei lavori gravosi ha esteso a 203 le mansioni gravose; i lavoratori che le svolgono potrebbero beneficiare di anticipi per il collocamento a riposo nell’ambito delle norme che saranno inserite nella prossima legge finanziaria.

Nelle nuove mansioni riconosciute come gravose dovrebbero rientrare anche le maestre e i maestri delle scuole primarie, che andrebbero ad aggiungersi agli insegnanti delle scuole dell'infanzia e agli educatori degli asili nido già presenti nell'elenco delle attuali 15 categorie.
Lo Snals-Confsal considera positivamente i risultati dello studio svolto dalla Commissione.
Nello stesso tempo ritiene che anche i docenti degli altri ordini e gradi di scuola dovrebbero essere ricompresi nei lavoratori con attività gravose, anche in relazione alle mutate condizioni di svolgimento della professione docente, sempre più esposta a stress derivanti anche dall’uso delle nuove tecnologie con tutti i rischi connessi.
Lo Snals-Confsal si impegnerà a proporre gli opportuni emendamenti alla legge finanziaria affinché tutto il personale della scuola trovi il giusto riconoscimento della gravosità del lavoro svolto nei diversi percorsi formativi dei cicli di studio.

giovedì 23 settembre 2021

Supplenze 2021 da GPS: come sono state assegnate

Il sistema Ministeriale ha seguito rigorosamente l’ordine espresso nella domanda dal candidato: la corretta compilazione era fondamentale.

Dunque se nella prima preferenza è stata inserita scuola, comune o distretto indicando con flag e, in contemporanea, come tipologia di contratto il 31 agosto, il 30 giugno e anche lo spezzone, laddove proprio nella prima opzione il sistema abbia disponibile uno spezzone e null’altro, questo è stato assegnato al candidato senza neanche passare alla seconda preferenza e senza controllare se lì fosse presente un 31 agosto, pur se selezionato dal candidato.

Questo, quindi, comporta che se un candidato voleva dare precedenza alla tipologia di contratto, magari prima preferendo i contratti annuali al 31 agosto, doveva compilare la domanda in modo “mirato”, flaggando solo l’opzione del contratto annuale e solo dopo le varie preferenze espresse per l’annuale, indicate una di seguito all’altra, andare a ridichiarare quelle stesse sedi o comuni o distretti con la selezione solo sul 30 giugno e solo successivamente, e se effettivamente voluta, l’opzione spezzone.

Ecco spiegata la possibilità di esprimere fino a 150 preferenze.

Importante segnalare che se il candidato non ha consapevolmente scelto gli spezzoni, nel momento in cui il sistema, arrivato alla sua posizione di graduatoria, avesse disponibili solo spezzoni lo stesso è considerato rinunciatario e anche in seconda convocazione, per sopravvenute disponibilità, lo stesso non è stato convocato.

lunedì 20 settembre 2021

Abbiamo il piacere di informarVi che sono in distribuzione, presso la nostra sede di Via Paduina 4,  le nuove agende anno scolastico 2021/22 offerte da questa Segreteria.                                                                                Potete passare a ritirare una copia dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 ed il lunedì e mercoledì dalle 17 alle 19.

 

giovedì 16 settembre 2021

FORMAZIONE OBBLIGATORIA INSEGNANTI NON SPECIALIZZATI SU SOSTEGNO: NO A OBBLIGO SENZA CONFRONTO SINDACALE

Il Ministero dell’Istruzione, lo scorso 6 settembre, ha emanato la Nota 27622 della Direzione Generale del Personale e della Direzione Generale per lo Studente, con le indicazioni per lo svolgimento delle attività formative obbligatorie rivolte ai docenti non specializzati impegnati nelle classi con studenti con disabilità.

La nota è stata emanata nell’assoluto disprezzo delle norme contrattuali, senza informazione né confronto con le organizzazioni sindacali.

Nessuna limitazione dei diritti sanciti dal contratto può essere introdotta per via amministrativa, è pertanto urgente un chiarimento sulla procedura seguita e sul carattere obbligatorio delle attività.

Gli obblighi hanno l’unico riferimento nel contratto, che prevede un massimo di 80 ore per attività funzionali all’insegnamento. Oltre tale limite per lo SNALS-Confsal non può trovare posto alcuna iniziativa che comporti un allungamento del tempo di lavoro del personale della scuola.

Lo SNALS-Confsal sta già predisponendo un ricorso gratuito che interesserà un gran numero di docenti  di ogni ordine e grado di scuola.

 

IL TAR ANNULLA IL DECRETO SU PEI E LINEE GUIDA. SCUOLE NEL CAOS. LO SNALS-CONFSAL CHIEDE URGENTE INTERVENTO DEL MINISTERO

 Il TAR del Lazio ha annullato il decreto Interministeriale (Istruzione ed Economia) numero 182 del 2020 recante l’adozione del modello nazionale di PEI, delle correlate Linee guida e delle modalità di assegnazione del sostegno agli alunni con disabilità. Il ricorso era stato presentato da alcune Associazioni di genitori e docenti di sostegno.

Il giudice amministrativo ha ritenuto che l’adozione del nuovo modello di PEI e delle Linee Guida sarebbe dovuta essere oggetto di un regolamento e non di un decreto. Il TAR ha osservato anche che l’esonero degli alunni disabili da alcune discipline presenta caratteri discriminatori. Tra l’altro la redazione del nuovo PEI, in mancanza di Linee guida, rende difficile garantire equità e trasparenza nell’assegnazione delle ore di sostegno.

La decisione del TAR metterà le scuole e i dirigenti scolastici in una situazione di ulteriore incertezza, anche perché entro il 31 ottobre era prevista la presentazione del PEI da parte di ciascuna scuola.

Lo Snals-Confsal chiede che il Ministero fornisca indicazioni provvisorie alle scuole, indipendentemente da eventuali richieste di sospensive che saranno presentate.

L'attuazione delle norme previste dal D.lgs. 66/2017 avrebbe richiesto una fase di sperimentazione, dopo la quale, con la partecipazione di tutti i soggetti coinvolti e le parti sociali, si sarebbe potuta condividere una regolamentazione più aderente ai bisogni degli alunni disabili e alle esigenze delle scuole autonome.

martedì 14 settembre 2021

NOMINE GPS E GREEN PASS: LA FRETTA NON GIOVA ALLA RIPARTENZA DELLA SCUOLA

 Gli uffici scolastici territoriali hanno avviato, e in molti casi concluso, le operazioni delle nomine annuali e fino al termine delle attività didattiche attraverso la procedura informatizzata del Ministero.

Ci pervengono segnalazioni di errori nell’assegnazione delle cattedre e dei posti di sostegno.

I problemi riscontrati sono riconducibili alle nuove disponibilità successive alle nomine, per effetto di rinunce alle immissioni in ruolo o per mancanza dei titoli di accesso, che non sono state acquisite tempestivamente dal sistema informatico per la prima fase di attribuzione degli incarichi. Ciò ha generato l’attribuzione di sedi più favorevoli a chi si trovava in posizioni meno alte nelle graduatorie, in contrasto con l’OM 60/2020 e in particolare con l’art 12, comma 2 che prescrive l’aggiornamento costante dei dati e la pubblicazione quotidiana delle operazioni.

Il Ministero, sordo agli appelli dello SNALS-Confsal e degli altri Sindacati, ha proceduto con fretta per dimostrare la conclusione delle operazioni prima dell’inizio delle lezioni, a scapito però della trasparenza e dell’equità. Gli errori nelle nomine genereranno ricorsi che comporteranno revoche e riassegnazioni, con grave danno per i precari e per gli alunni.

Lo SNALS-Confsal ritiene opportuno, nelle province coinvolte negli errori, che si sospendano e si ripetano le operazioni di attribuzione delle supplenze. Lo SNALS-Confsal continuerà a supportare i precari nella presentazione dei reclami a garanzia dei loro diritti.

La stessa fretta è stata adottata nell’estensione del Green Pass ai genitori che accedono alle “strutture” scolastiche. Oltre a generare altre operazioni di verifica, determinerà code e assembramenti all’esterno delle scuole con rischi di aumento del contagio.

Per lo SNALS-Confsal l’estensione del GP ai genitori si rivelerà una norma inutile, anche perché milioni di alunni, che restano nelle aule per diverse ore, ne sono esentati.

 

lunedì 13 settembre 2021

RICORSO OBBLIGO GREEN PASS

 L’attuazione del green pass nella scuola sta creando il caos.

Al fine di offrire tutela a tutti coloro che per diversi motivi non hanno aderito alla campagna vaccinale nel pieno rispetto dei diritti e delle libertà costituzionali, l'Ufficio Legale ha avviato la raccolta delle adesioni per il ricorso giurisdizionale da presentare innanzi al TAR Lazio avverso l’obbligo di esibire il green pass previsto dall’art. 1, comma 6 del decreto legge n. 111/2021.
Scopo dell’azione legale è quello di far dichiarare illegittimo l’obbligo di esibizione del green pass poiché in contrasto con l’arti. 3 comma 2 della Costituzione  con il regolamento UE n. 953/2021.
L’adesione al ricorso dovrà avvenire esclusivamente tramite le Segreterie Provinciali di appartenenza.
 
Visti i tempi stretti si prega di compilare la scheda di adesione entro MERCOLEDI’ 15 SETTEMBRE al seguente link:
 
 
Il ricorso è gratuito per gli iscritti.

venerdì 10 settembre 2021

ANNO SCOLASTICO 2021-2022: BUON INIZIO!

A tutto il personale scolastico: dirigenti, docenti, ATA.

Con il primo di settembre è iniziato il nuovo anno scolastico, ma è con il giorno 13 che nelle nostre scuole la vita riprende a pieno ritmo, con il ritorno delle classi e l'avvio delle attività didattiche finalmente in presenza.

E’ un ritorno che lascia alle spalle un biennio tormentato, soprattutto a causa della didattica a distanza, mortificante sia sul piano degli apprendimenti che su quello delle relazioni umane, con enormi difficoltà organizzative che hanno coinvolto, in modi diversi, il personale di tutti i profili professionali in ogni istituto.

Sembra aprirsi ora una fase nuova, piena di speranza, ma dagli sviluppi ancora incerti, non priva di problemi e di timori, poiché il Covid, con le sue mutazioni, non è debellato.

Il nuovo anno scolastico presenterà nuove sfide quotidiane che il personale scolastico saprà affrontare con la responsabilità che lo distingue, nella consapevolezza e nell'assolvimento dei propri doveri e nell'esigenza del rispetto dei  diritti e delle prerogative di tutti.

Presto saranno avviate le contrattazioni d'istituto, che riguarderanno non soltanto l'annuale parte economica, ma anche il rinnovo triennale della parte normativa. Sarà anche l'anno del rinnovo del contratto nazionale scaduto nel 2018 e si dovrà procedere, nella prossima primavera, alle elezioni delle RSU, rinviate lo scorso anno a causa del Covid.

Lo SNALS-ConfSAL sara' attivamente presente ai tavoli negoziali e a tutti gli appuntamenti nazionali, territoriali e d'istituto, per difendere, sostenere e promuovere gli specifici interessi e diritti di tutto il personale scolastico e per il progresso delle condizioni lavorative e retributive.

La Segreteria provinciale dello SNALS di Trieste è quotidianamente a disposizione per ogni forma di assistenza  richiesta e augura a tutti, dirigenti, docenti e ATA, un anno scolastico sereno e soddisfacente.

Un augurio speciale va a coloro che nel proprio compito, ruolo, profilo o sede assumono servizio per la prima volta, a tempo indeterminato o determinato, nell'anno scolastico appena iniziato.

 

 

 

 

 

 

mercoledì 8 settembre 2021

Avvio anno scolastico e nomine supplenti da graduatorie GPS

Sul Piccolo dell'8 settembre, si legge un articolo dal titolo Scuola pieno organico a Trieste e Gorizia Al lavoro 700 supplenti. Quindi subito tutti in classe a orario pieno: sicuramente una conquista rispetto al passato quando l'anno scolastico iniziava e proseguiva per settimane con orari provvisori e ridotti. Non possiamo che rallegrarci per le rassicurazioni che provengono dai vertici istituzionali del comparto istruzione. Speriamo quindi che queste dichiarazioni possano essere confermate dai fatti al suono delle prime campanelle che daranno l'avvio alle lezioni del nuovo anno scolastico in tutte le scuole, finalmente in presenza . A monte va riconosciuto il prezioso lavoro e il grande impegno del personale, da troppo tempo in carenza di organico, che opera presso l'Ufficio scolastico.  Resta però il fatto che molti aspiranti supplenti sono rimasti delusi dalle assegnazioni ricevute, non coerenti con le preferenze espresse al momento dell'inserimento della domanda tramite il nuovo sistema informatico. Alcuni addirittura non hanno avuto il posto, bypassati dall'algoritmo che l'ha assegnato ad altri indietro di decine o addirittura centinaia di posti in graduatoria. E' difficile dire, caso per caso, quale sia la causa di tali macroscopiche situazioni: in alcuni casi certo può trattarsi di errori nella compilazione della domanda, ma sono tanti e quindi è legittimo almeno sospettare anche che il programma informatico, il complesso algoritmo, presenti delle incongruenze nella sua impostazione, tali da ledere diritti oggettivi e soggettivi degli aspiranti. Il problema si è presentato non solo a Trieste, ma in tutta la Penisola, tanto che i sindacati chiedono un incontro chiarificatore al ministero. Secondo il sindacato dei lavoratori della scuola SNALS-Confsal, le segnalazioni e i reclami arrivati all'Ufficio scolastico di Trieste non possono essere liquidati con le dichiarazioni della Direttrice generale dell'Ufficio scolastico, riportate dal TG regionale, secondo la quale non ci sono stati errori nell'assegnazione delle cattedre e i rappresentanti sindacali non sono in grado di capire l'incrocio tra domanda e offerta secondo questa procedura. Buon senso e correttezza vorrebbero che chi ricopre ruoli istituzionali verifichi i casi segnalati e fornisca risposte rispettose, adeguate e puntuali, invece di proferire esternazioni frettolose e offensive verso chi si pone a fianco dei lavoratori nella tutela dei loro diritti e posizioni. Tutto ciò anche per garantire certezza e continuità nel servizio istituzionale a vantaggio di alunni e famiglie.

 

mercoledì 25 agosto 2021

ORARIO ASSISTENZA CONSULENZA PERIODO ESTIVO

 LUNEDI' E MERCOLEDI' DALLE 17 ALLE 19

 MARTEDI' E GIOVEDI' DALLE 09 ALLE 12.

lunedì 23 agosto 2021

OBBLIGO GREEN PASS SCUOLA, SERAFINI (SNALS): “UNA NORMA UNILATERALE CHE AUMENTA I PROBLEMI PER L’AVVIO DELL’ANNO SCOLASTICO”

 Il sindacato Snals Confsal boccia il decreto green pass pubblicato già in Gazzetta Ufficiale e che prevede l’obbligo di certificazione per il personale scolastico.

L’avvio dell’anno scolastico è alle porte”, commenta il Segretario Generale dello Snals, Elvira Serafini, “ e i problemi da affrontare per il suo avvio regolare ed in sicurezza , anziché diminuire, aumentano. L’introduzione del Green pass, la cosiddetta certificazione verde, decisa dal Governo con un atto unilaterale, ha sollevato un’ingiusta attenzione mediatica sugli operatori della scuola che, non dimentichiamolo, sono stati i primi a chiedere e ad invocare la somministrazione del vaccino, pur non essendo compresi, fino a poco tempo fa, nelle categorie prioritarie. Se oggi il 90% del personale scolastico è già vaccinato lo dobbiamo proprio al senso di responsabilità che gli operatori della scuola hanno dimostrato di avere“.

“ Un tema delicato, come quello che attiene alle scelte da operare per la tutela della salute pubblica, richiedeva la massima cautela e, quindi, l’ascolto delle parti sociali“, afferma la Serafini. “La scorsa settimana”, continua, “il Segretario Generale della CONFSAL, Angelo Raffaele Margiotta, ha scritto al Presidente Draghi, in merito alla obbligatorietà dell’obbligo vaccinale, ha chiesto di prevedere misure in grado di contemperare la scelta del lavoratore in merito alla vaccinazione col diritto alla salute della comunità di lavoro di cui egli fa parte. Ha fatto, esplicitamente, rilevare, altresì, la necessità di affrontare il tema in questione con equilibrio, senza l’assunzione di decisioni unilaterali, per potere giungere ad un’intesa ponderata e condivisa.”

Questo, purtroppo, non è avvenuto ed oggi ci ritroviamo addirittura con una norma che prevede anche una grande penalizzazione per eventuali assenze considerate ingiustificate, fino alla sospensione del rapporto di lavoro e la conseguente perdita della retribuzione e di ogni altro compenso o emolumento. Fra l’altro quali risposte dà il Governo rispetto al problema molto più grave della contagiosità della popolazione studentesca, che, numericamente, popola il 90% degli spazi disponibili per la didattica? Nessuna! Lo Snals chiede al Governo il tampone salivare gratuito, secondo le previste indicazioni del ministero della salute, perché, in una fase emergenziale, il suo costo non deve gravare sul singolo lavoratore della scuola“.

Infine, ricordiamo le altre urgenze e priorità: eliminazione delle classi pollaio, distanziamento previsto dalle norme di sicurezza, aumento dell’organico covid, aerazione degli ambienti con idonei condizionatori, trasporti. Lo Snals e la Confsal, alla luce dei provvedimenti emanati dal Governo e della persistenza delle criticità richiamate, porrà in essere ogni iniziativa utile a salvaguardare e tutelare i lavoratori della scuola“, conclude Serafini.

mercoledì 14 luglio 2021

DL SOSTEGNI BIS: POCHE LUCI E MOLTE INCERTEZZE

Il testo del decreto legge Sostegni bis, in discussione alla Camera dei Deputati, presenta negli ultimi emendamenti approvati alcuni spiragli positivi per la scuola. Valutiamo con favore l’abrogazione della norma sulla non ripetibilità dei concorsi per coloro che non superano le relative prove. Positiva anche la previsione del mantenimento dell’organico straordinario, sia pure con tutte le limitazioni del decorso anno scolastico che pongono in mano agli UAT la potestà di attivazione dei relativi posti. Molti dubbi, invece, sul futuro del reclutamento dei docenti, affidato a nuovi concorsi ordinari svolti con le medesime procedure di quelli relativi alle discipline STEM, che si sono rivelate del tutto inadeguate ed insufficienti a garantire la copertura degli stessi posti messi a bando. Non vorremmo che si creassero disparità di trattamento tra i candidati delle procedure ordinarie e quelli interessati dalle procedure assunzionali previste in via straordinaria per il prossimo anno scolastico. Per lo Snals-Confsal resta imprescindibile, per la continuità didattica e per la soluzione del problema del precariato, il reclutamento veloce dalla prima e dalla seconda fascia delle GPS, con un percorso formativo di elevata qualità scientifica seguito da un esame finale rigoroso per tutti i docenti che vantano indiscutibili diritti ad un posto di lavoro a tempo indeterminato. Per giungere a soluzioni positive occorre la ripresa del confronto, a partire dagli accordi presenti nel Patto per la Scuola. Senza la ripresa concreta del dialogo con i Sindacati ci si avvierà ad una inevitabile mobilitazione del personale precario e di tutta la comunità educante.

lunedì 21 giugno 2021

PERSONALE ATA - Graduatorie 24 mesi, scelta scuole allegato G

 Dal 18 giugno al 9 luglio coloro che entro il 14 maggio hanno presentato istanza per le graduatorie ATA 24 mesi, possono compilare l’allegato G per la scelta sedi. L’allegato G si compila in modalità telematica, come spiegato dalla nota ministeriale del 31 marzo 2021. I termini della trasmissione on-line del modello G sono contestuali su tutto il territorio nazionale

martedì 15 giugno 2021

Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni docenti

 Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni del personale docente per l’anno scolastico 2021/22: sarà possibile presentare la domanda su Istanze online da oggi 15 giugno al 5 luglio 2021. La nota del Ministero con il riepilogo delle novità più importanti, sia per i requisiti che per l’accesso alla piattaforma.