SEGRETERIA PROVINCIALE DI TRIESTE

via Paduina, 4
34125 Trieste -Tel. 040-370205 Fax. 040-368415

e-mail:friuliveneziagiulia.ts@snals.it

friuliveneziagiulia.trieste@pec.snals.it

martedì 13 dicembre 2016

MOBILITÀ SCUOLA 2017/2018 RIPARTE LA TRATTATIVA

Nel pomeriggio del, 7 dicembre, si è tenuto al MIUR un incontro politico richiesto dalle OO.SS.. Nella riunione del 17 novembre l’Amministrazione si era presentata senza fornire risposte rispetto ai nodi fondamentali posti da tutti i sindacati negli incontri precedenti, per cui le delegazioni sindacali avevano deciso di sospendere la trattativa in attesa di un chiarimento a livello politico.
In coerenza con quanto richiesto nei precedenti incontri, la delegazione SNALS-CONFSAL, ha formulato le seguenti richieste:
-    ha rivendicato il diritto alla mobilità su scuola, sia territoriale che professionale, non solo per chi è già titolare di scuola ma anche per chi è titolare di ambito; ciò sia per la mobilità provinciale che per quella interprovinciale;
-    ha richiesto che alla mobilità fossero anche interessati coloro che hanno già avuto incarico triennale su scuola, in quanto titolari di ambito.
Altro punto fondamentale per la nostra delegazione è stata la richiesta di superare, nel CCNI, il blocco triennale della mobilità interprovinciale, sia per la mobilità territoriale che per quella professionale.
La finalità è quella di attuare una fase unica per la mobilità riguardante lo stesso grado di scuola con le consuete sotto fasi (comunale, provinciale e interprovinciale) da attuarsi sincronicamente per grado di scuola, in modo da ottimizzare le disponibilità dei posti che si liberano in un momento successivo a seguito delle operazioni della mobilità dello stesso grado.
Fondamentale, inoltre, per il nostro sindacato la tutela degli esuberi.
A conclusione dell’incontro del 7 u.s. i rappresentanti nazionali di SNALS Confsal, Flc CGIL , CISL scuola e UIL scuola hanno comunicato che il MIUR ha risposto positivamente ad alcune richieste avanzate unitariamente e che quindi ci sono le condizioni per una ripresa delle trattative per l’anno scolastico 2017/2018.

giovedì 1 dicembre 2016

PREVIDENZA COMPLEMENTARE PUBBLICI: “LA MIA SCELTA PREVIDENTE”

Al fine di accrescere la conoscenza sulle opportunità offerte dai fondi di previdenza complementare per i pubblici dipendenti, l’ARAN comunica che nel proprio sito è disponibile la guida informativa “La mia scelta previdente”, elaborata dai Fondi Espero e Perseo Sirio. L’obiettivo è di offrire ai dipendenti pubblici l'opportunità di valutare compiutamente il proprio percorso previdenziale e sollecitare l'attenzione sulla convenienza della previdenza complementare.
Questo il link sul sito ARAN:  http://www.aranagenzia.it/index.php/comunicati/7907-previdenza-complementare-pubblici-la-mia-scelta-previdente

RACCOLTA SISTEMATICA SULLE DISPOSIZIONI CONTRATTUALI IN MATERIA DI RSU

L’ARAN comunica che, dal 28/11/2016, è disponibile, nella sezione del proprio sito dedicata alla contrattazione, la raccolta sistematica in materia di costituzione delle rappresentanze sindacali unitarie per il personale dei comparti delle pubbliche amministrazioni e per la definizione del relativo regolamento elettorale.
Il link diretto, sul sito ARAN, è: http://www.aranagenzia.it/index.php/comunicati/7905-pubblicata-la-raccolta-sistematica-sulle-disposizioni-contrattuali-in-materia-di-rsuv

CARTA DEL DOCENTE: PUBBLICATO AVVISO MIUR

Carta del Docente, da oggi on line la piattaforma: al via la registrazione di esercenti ed enti di formazione
È on line - per consentire la registrazione di enti accreditati ed esercenti - l’applicazione web cartadeldocente.istruzione.it che, a partire dal 30 novembre, consentirà agli insegnanti di ruolo di utilizzare on line, attraverso un borsellino elettronico, i 500 euro per l’aggiornamento professionale.
Quest’anno i 500 euro potranno essere spesi generando sull’apposita piattaforma buoni di spesa per:
·           l'acquisto di libri e di testi, anche in formato digitale;
·           l’acquisto di pubblicazioni e di riviste utili all'aggiornamento professionale;
·           l'acquisto di hardware e software;
·           l'iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell'Istruzione;
·           l’iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale;
·           l’acquisto di biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche;
·           l’acquisto di biglietti di musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo;
·           iniziative coerenti con le attività individuate nell'ambito del piano triennale dell'offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione.
Per accedere alla piattaforma serve ottenere l’identità digitale SPID presso uno dei gestori accreditati (www.spid.gov.it/richiedi-spid ). L’acquisizione delle credenziali SPID si può fare in qualunque momento, non c’è scadenza. Si tratta di un codice unico che consentirà di accedere, con un'unica username e un’unica password, ad un numero considerevole e sempre crescente di servizi pubblici (www.spid.gov.it/servizi).
A partire dal 30 novembre, giorno di apertura del sito ai docenti, sarà attivo un call center interamente dedicato all’utilizzo della Carta per supportare gli insegnanti. I buoni di spesa generati dai docenti daranno diritto ad ottenere il bene o il servizio presso gli esercenti o gli enti di formazione registrati con la semplice esibizione su smartphone o tablet. La stampa sarà ovviamente possibile, ma non necessaria.
I 500 euro della Carta del Docente potranno essere spesi in qualunque momento, durante tutto il corso dell’anno scolastico.
Il nuovo sistema che parte quest’anno consentirà agli insegnanti di avere uno strumento elettronico per effettuare e tenere sotto controllo i pagamenti. E alle scuole di essere alleggerite dalla burocrazia e dalle procedure di rendicontazione. Le somme relative all’anno scolastico 2016/2017 eventualmente già spese dal 1° settembre 2016 al 30 novembre 2016 dovranno essere registrate attraverso la piattaforma digitale e saranno erogate ai docenti interessati, a seguito di specifica rendicontazione, dalle scuole di appartenenza.

Per gli enti ed esercenti l’applicazione web prevede una serie di link di approfondimento, domande frequenti e un help desk a supporto della procedura di registrazione. Un esercente o un ente possono registrarsi da oggi in qualsiasi momento, non c’è scadenza limite. Sono già inseriti in piattaforma, fra gli altri, 228 musei 23 aree archeologiche, 8.406 scuole di ogni ordine e grado (per la parte che riguarda la formazione).